Questo sito utilizza i cookie per garantirvi una migliore navigazione. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie.

x
Category
P

Pippo Delbono

Pippo Delbono

PRINT

Cinema

2016 Una famiglia, regia S.Riso
2016 Gli asteroidi, regia G. Maccioni
2016 I falchi regia, T. D’Angelo
2015 La ragazza del mondo regia, M. Danieli
2015 Ombre della sera, regia V. Esposito
2015 Il camionista regia, L. Gaudino
2014 Atlit, regia S.Amitay
2013 Più buio di mezzanotte, regia S. Riso
2013 Fifa 2014, regia F. Auburtin
2013 Henri regia, Y. Moreau
2012 Un chateau en italie regia, V. Bruni Tedeschi
2012 Io e te regia, B. Bertolucci
2012 Cha cha cha regia, M. Risi
2011 Goltzius regia, P. Greenway
2011 Cavalli regia, M. Rhò
2011 Transeurope hotel regia, L. Cinque
2010 Cuore di clown (cortometraggio) regia, P. Zucca
2009 Io sono l’amore regia, L. Guadagnino

 

Cortometraggi

2009 BLUE SOFA

Premi

2009 Premio Europa Nuove Realtà Teatrali
2004 David di Donatello come Miglior documentario di lungometraggio per Guerra

Note

Pippo Delbono, autore, attore, regista, nasce a Varazze in Italia nel 1959. Inizia la sua formazione teatrale nel teatro di tradizione, ma poi si trasferisce in Danimarca dove inizia a dedicarsi all’approfondimento dei principi del teatro orientale attraverso un rigoroso lavoro dell’attore sul corpo e sulla voce. Nei primi Anni Ottanta fonda la Compagnia Pippo Delbono, con la quale realizza tutti i suoi spettacoli, da Il tempo degli assassini (1987) a La Menzogna (2008). Le sue non sono messinscena di testi teatrali, ma creazioni totali, realizzate con un nucleo stabile di attori, destinato a crescere nel tempo. L’incontro con persone provenienti da situazioni sociali di emarginazione determina una svolta nella sua ricerca poetica: nasce così Barboni (1997). Alcuni di questi attori – tra cui Bobò, sordomuto incontrato e fatto uscire dal manicomio di Aversa dopo un internamento durato 45 anni – hanno consolidato il loro lavoro all’interno della compagnia e sono tuttora parte centrale dell’esperienza. Gli spettacoli – La rabbia, dedicato a Pasolini, Guerra, Esodo, Gente di plastica, Urlo, Il silenzio, Questo Buio Feroce- oltre a quelli citati in precedenza – sono stati presentati in più di cinquanta paesi del mondo, in teatri e festival, tra cui il Festival di Avignone che ha ospitato quasi tutti gli spettacoli della compagnia. Numerosi teatri, tra cui il Théâtre du Rond-Point di Parigi, hanno dedicato retrospettive al lavoro di Pippo Delbono. Enrico V – la sua unica creazione basata su un testo teatrale – è il solo allestimento italiano tratto da Shakespeare andato in scena alla Royal Shakespeare Company. Da molti anni Pippo Delbono indaga sul linguaggio cinematografico, nel 2003 in seguito alla tournée in Israele/Palestina gira il suo lungometraggio Guerra, presentato alla Mostra del Cinema di Venezia e vincitore del David di Donatello come miglior documentario. Il suo secondo film, Grido (2006) è stato presentato alla Festa del Cinema di Roma. Per il Teatro Sperimentale di Spoleto nel 2007 ha realizzato l’opera lirica Studio per Obra Maestra. Ha pubblicato con Ubulibri Barboni – Il teatro di Pippo Delbono; Mon théâtre, edizioni Actes Sud; Le corps de l’acteur, edizioni Les Solitaires Intespestifs; El teatro de la rabia, edizioni Punto Aparte; Récits de juin, Actes Sud; Racconti di giugno, Garzanti; Ecrivains de plateau, di Bruno Tackels pubblicato da Les Solitaires Intempestifs; Teatrul Meu, Editura „Fundatia Culturala Camil Petrescu“. Ha ottenuto, tra gli altri, il premio speciale Ubu per lo spettacolo “Barboni”, il premio della Critica per “Guerra”, i premi Olimpici per l’Innovazione teatrale per gli spettacoli “Gente di Plastica” e “Urlo” e a Wroclaw, in Polonia, il Premio Europa per le nuove realtà teatrali. E’ del 2008 la sua partecipazione come attore al film “Io sono l’amore” di Luca Guadagnino. Nel 2009 dà vita al suo lungometraggio “La Paura”, film girato totalmente con il telefonino portatile.